CASTAGNI

 

Il castagno (Castanea Sativa Mill.), appartenente alla famiglia delle fagacee, è originario dei paesi mediterranei.
In Italia è diffuso in tutte le regioni dove ha sempre rappresentato un importante fonte di sostentamento soprattutto nelle zone montane.

Predilige i terreni profondi e ben drenati con un PH tendenzialmente acido e privo di calcare.
L’impollinazione è tendenzialmente anemofila, è comunque importante la presenza delle api negli impianti.
Ama i climi temperati ma sopporta bene gli intensi freddi invernali.

Le piante sono disponibili in vaso e radice scossa come segnalato in elenco
scheda colturale
scheda tecnica
 
 
 
 
1
1

MARRONI
EUROGIAPPONESI

(Castanea sativa x castanea crenata)

Sono varietà create alla fine del secolo scorso, ottenute incrociando marroni europei (cast. sat.) con marroni giapponesi (castanea crenata).
Hanno una buona resistenza agli attacchi del cancro corticale (cryphonectria parasitica) e al marciume radicale (phytophthora c.).

 

Sono piante dallo sviluppo rapido e abbastanza vigoroso, la messa a frutto avviene già a partire dal secondo, terzo anno dall’impianto.
I frutti, che generalmente si raccolgono già a settembre sono di notevole pezzatura e non sono settati.

Per tutti questi motivi da diversi anni è aumentata considerevolmente la coltivazione di queste varietà, creando nuovi castagneti in tutta Italia.
Si impollinano vicendevolmente e per questo motivo è meglio creare impianti misti.
Le quote ideali sono da 300 a 650 mslm ma fruttificano bene anche fino a 8-900 mslm in particolari aree.

Bouche de Betizac

È la varietà più coltivata in assoluto negli ultimi venti anni. Pianta abbastanza vigorosa, maturazione precocissima (inizio settembre) con frutti di elevatissima pezzatura (fino a 25-30 frutti/kg), di buon sapore. Necessita di impollinatore.
Al momento risulta indenne agli attacchi del cinipide.

Radice scossa
Vaso
Precoce Migoule

Pianta non molto vigorosa, maturazione precoce (metà settembre), con frutti di buona pezzatura (35-40 frutti/kg). Utilizzata prevalentemente come impollinatore della Bouche de Betizac.

Radice scossa
Vaso
Marsol

Pianta molto vigorosa, buona anche da legno, maturazione media (fine settembre), frutti di buona pezzatura (35-40 frutti/kg). Necessita di impollinatore.

Radice scossa
Vaso
Vignols

Pianta vigorosa, maturazione medio-tardiva (inizio ottobre), frutti di elevata pezzatura (30-35 frutti/Kg). Utilizzata prevalentemente come impollinatore della Bouche de Betizac.

Radice scossa
Vaso

MARRONI
EUROPEI

(Castanea Sativa)

Sono da considerarsi marroni i frutti di castagno che alla pelatura risultino interi, non settati dalla pellicola (episperma) che non penetra nella polpa.

Sono di sapore ottimo, destinati al consumo fresco e alla trasformazione (marron glacé).
La pezzatura è medio-grossa (50-70 frutti/Kg).
La maturazione è medio-tardiva (inizio-metà ottobre).

Le piante sono abbastanza vigorose e purtroppo abbastanza sensibili agli attacchi di cancro corticale. Non sono adatte alla produzione di legname da lavorazione.
L’entrata in produzione avviene al quinto-settimo anno dalla messa a dimora. Prediligono climi temperati e non è consigliabile effettuare impianti al di sopra di 650 mslm nel nord d’Italia.
La quasi totalità dei marroni è priva di fiori maschili, necessitano quindi della presenza di impollinatori negli impianti.

La varietà di marrone sono molto simili tra loro e prendono il nome dalla zona di provenienza.

Belle Epine

Origine francese, è una delle poche varietà di marrone ad essere anche un ottimo impollinatore sia per i marroni che per gli eurogiapponesi.

Radice scossa
Chiusa Pesio

Origine cuneese

Radice scossa
Vaso
Marradi

Origine tosco-emiliana

Radice scossa
Fiorentino

Origine tosco-laziale

Radice scossa
Segni 

Origine laziale

Radice scossa
Vaso
Seeu Maure 

Origine veronese

Radice scossa
Susa 

Origine piemontese, Val di Susa

Radice scossa
Roccamolfina 

Origine casertana

Radice scossa
Vaso
Etna

Origine siciliana

Radice scossa
Bouche Rouge 

Origine francese

Radice scossa
Viterbo

Origine laziale

Radice scossa
Vaso

CASTAGNI

(Castanea Sativa)

Questo gruppo comprende numerosissime varietà diffuse nelle diverse zone castanicole italiane. Generalmente hanno i frutti settati, cioè con la pellicola interna che penetra nel frutto fino a dividerlo.

Di buon sapore, sono destinate, oltra al consumo fresco, alla trasformazione in farine e castagne bianche secche. Ottime come caldarroste.
Hanno pezzature variabili (da 50 a 120 frutti/Kg), così come anche la maturazione (da inizio settembre a metà ottobre). Alcune varietà si adattano anche a quote molto elevate (fino a 1000 mslm).

Le piante sono vigorose e di solito adatte anche alla produzione di legname da lavorazione.
L’entrata in produzione avviene a seconda delle altitudini in cui viene piantato, indicativamente verso il sesto-ottavo anno.

Pur presentando sulla stessa pianta i fiori maschili e femminili è consigliabile effettuare impianti con varietà diverse per assicurare un’impollinazione incrociata.

Garrone Rosso

La sua adattabilità fino a quote molto elevate (1000 mslm) ne fanno una delle varietà più diffuse nelle valli del cuneese. Di colore brillante, offre una buona pezzatura (60-80 frutti/kg) con una maturazione media (fine ottobre). Di ottimo sapore, viene utilizzata prevalentemente per il consumo fresco. Pianta molto vigorosa, di produzione costante.

Radice scossa
Garrone Nero

Diffusa principalmente in Val Vermenagna (CN), ha una bassa percentuale di settatura. Presenta un colore marrone scuro, di pezzatura media (70-90 frutti/Kg). Ottima per caldarroste, maturazione ad ottobre.

Radice scossa
Vaso
Tempurive

Castagna molto precoce (inizio settembre), di pezzatura media (80-100 frutti/Kg), di colore scuro. È un ottimo impollinatore.

Radice scossa
Brignola

Poco diffusa, è originaria di una frazione di Roccavione (CN). Presenta ottime caratteristiche come una buona pezzatura (60-80 frutti/Kg) e adattabilità fino a 900 mslm. Di ottimo sapore, è poco settata. Maturazione ad ottobre.

Radice scossa
Cervaschina

Ha una pezzatura media (80-100 frutti/Kg). Precoce nella maturazione (inizio settembre).

Radice scossa
Primitiva

Originaria del casertano, precoce (inizio settembre). È di colore chiaro, di pezzatura media (70-100 frutti/Kg). Buon impollinatore.

Radice scossa
Vaso
Madonna di Caule

Precoce (primi di settembre), di pezzatura media (60-80 frutti/Kg). Alla vista è di colore scuro. È un ottimo impollinatore.

Radice scossa
Bracalla

Originaria di Rossana (CN), buona pezzatura (50-70 frutti/Kg). Ha una produzione incostante.

Radice scossa
Vaso
Gabiana

Originaria del monregalese (CN), di piccola pezzatura (90-120 frutti/Kg). Ottima per fare farina e castagne bianche.

Radice scossa
Contessa
Radice scossa
Pelosa
Radice scossa
Vaso
Canepina

Di origini laziali.

Radice scossa
Rubiera
Radice scossa
Ciapastra
Radice scossa
Vaso
Siria

Piccola pezzatura (90-120 frutti/Kg) di ottimo sapore.

Radice scossa

Per informazioni o preventivi: viale@alpivivai.it